+39 0832 601223 info@artedo.it
Il Disegno Speculare Progressivo nella Cura di un Paziente con Sordità Secondaria

Il Disegno Speculare Progressivo nella Cura di un Paziente con Sordità Secondaria

Premessa metodologica
Il disegno speculare progressivo terapeutico (DSPT) del dr. Peciccia e Benedetti (1995) metodologia psicoterapeutica che utilizza il medium grafico pittorico. Esso consiste nella realizzazione iniziale di due disegni liberi, uno da parte del paziente e l’altro da parte del terapeuta. A questo punto paziente e terapeuta si scambiano i disegni e ponenedo un foglio trasparente sopra, ricalcano il disegno ricevuto, effettuando una o più modifiche. Paziente e terapeuta continuano a scambiarsi i disegni e a ricalcarli, effettuando una o più modifiche, per tutta la seduta, che ha la durata di un’ora. Alla fine della seduta si avranno due sequenze di disegni, una a partenza dal disegno del paziente e una a partenza dal disegno del terapeuta. Nelle sedute successive la metodologia è analoga: paziente e terapeuta possono scegliere di riprendere dal disegno dell’ultima seduta o realizzare un disegno nuovo.

Ogni sequenza, sia quella intraseduta, che quella che comprende più sedute, propone la storia dell’interazione grafica paziente-terapeuta. Tale interazione grafica può essere vista anche come il riflesso della relazione terapeuta-paziente. Le modifiche, a volte involontarie, apportate progressivamente ai disegni, possono essere considerate a tutti gli effetti come azioni transferali e controtransferali di tipo grafico. Il terapeuta, modificando un particolare del disegno, può realzzare un’interpretazione di transfert, utilizzando un canale diverso rispetto a quello acustico-verbale, appunto quello grafico-pittorico. Tale metodologia psicoterapeutica, utilizzabile con pazienti affetti da patologie diverse, che ovviamente abbiano una funzionalità integra degli arti superiori, è particolarmente indicata per persone affette da patologie che compromettono la verbalizzazione come sono appunto le psicosi (sia nella fase autistica, che produttiva). Quando utilizzata con pazienti affetti da patologie che non compromettono la parola, è possibile riservare all’interno di ogni seduta o dopo alcune sedute uno spazio di riflessione verbale, dove paziente e terapeuta possono condividere intenzioni grafiche e significati associati a forme e figure. È possibile inoltre, per procedere su un doppio canale che possa servire da conferma del livello grafico-pittorico, dare un titolo ad ogni disegno.
Oltre che in forma diadica tale procedura può essere realizzata in gruppo – Disegno Speculare Progressivo Terapeutico di Gruppo (DSPTG) – in cui alla trasformazione grafica del disegno di ciscuno partecipa progressivamente tutto il gruppo: si creano alla fine, sequenze rappresentative dell’interazione grafico-relazionale di gruppo. Ne risulterà in sostanza la testimonianza grafica delle dinamiche transferali orizzontali e verticali presenti nel gruppo. (Catanzaro, 2004)
Nel caso clinico che presenteremo, riportiamo un’interazione triadica: il setting prevede incontri di un’ora e la presenza del terapeuta, del paziente e di una tirocinante. La procedura di scambio dei prodotti grafico-pittorici, che segue quella del DSPTG è illustrata nella figura 1, 2 e 3.
Il caso clinico del sig. FIl sig. F. (32 anni), affetto da sordità bilaterale completa, disartria e zoppia secondarie ad asportazione chirurgica di neoplasie cerebrali multiple (meningioma e neurinoma), giunge al Servizio di Psiconcologia Dipartimentale di Perugia per una sindrome distimica. Il padre di F., che accompagna il figlio dice: “Ci sono dei giorni in cui è di umore nero, gli viene da piangere e non ha voglia di fare niente”. F., nonostante le sue condizioni, continua a lavorare come operaio specializzato e dopo il lavoro chatta. Il padre è preoccupato per ciò che gli appare come un “vizio che lo isola”. Prima della malattia F. era fidanzato e aveva come hobby la musica: gli piaceva suonare e comporre brani musicali. Prende numerosi farmaci: anticonvulsivanti, cortisonici e, nel periodo perioperatorio, anche antibiotici e per tale polifarmacoterapia dice francamente di non voler assumere psicofarmaci. Al momento della consultazione sono in programma altri interventi chirurgici ed il sig. F. richiede un supporto psicologico anche per affrontare con più energie tali trattamenti invasivi. Dal momento che F. comunque si relazione con gli altri attraverso il PC ed essendo presente in anamnesi un’attività creativa (la musica), si decide di realizzare un intervento psicoterapeutico a mediazione aristica settimanale (1 ora) tramite il DSPTG. Nel setting, come precedentemente detto, sono presenti il paziente, il terapeuta e una tirocinante.
Descriveremo in questo lavoro quanto avvenuto in una seduta particolarmente significativa, avvenuta dopo circa 3 mesi di lavoro, considerando la sequenza di disegni a partenza controtransferale, cioè che si sono sviluppati a partire dal disegno eseguito dal terapeuta.
F. arriva, come sempre accompagnato dal padre, dopo 3 settimane di sospensione legata ad un nuovo intervento chirurgico cerebrale. Si presenta con un notevole aggravamento dell’asimmetria facciale: la rima boccale è deviata, nell’angolo destro della bocca si deposita e scola un po’ di saliva, l’occhio sinistro è spalancato con impossibilità a chiudere la palpebra, l’articolazione della parola ancora più compromessa. La fantasia che ha il terapeuta è quello di trovarsi di fronte ad un essere informe. La triade comincia a disegnare, effettuando ognuno un nuovo disegno: il terapeuta disegna proprio l’essere informe (l’immagine-sensazione che aveva vissuto nel rivedere il paziente dopo l’ultimo intervento chirurgico). Nel disegno (fig. 4) è possibile individuare 4 elementi: un sole, una falce di luna con una stella e “l’essere informe” (una figura umanoide deformata). Mentre il terapeuta disegna, attribuisce mentalmente ai quattro elementi un significato: la luna e la stella rappresenta la tirocinante; il sole, il terapeuta e l’essere informe, il paziente. L’emozione che prova il terapeuta è di pena nei confronti di F. che presenta una condizione fisica che si fa fatica a guardare. Alla fine del disgno il terapeuta, notando che l’informe si trova tra la stella e la luna da una parte e il sole dall’altra, scrive il seguente titolo dietro al foglio: “Luna-stella e sole comprendono l’informe” Tale frase nelle intenzioni del terapeuta voleva trasmettere al sig. F. la vicinanza affettiva sua e della tirocinante e il tentativo di comprenderlo anche nella condizione fisica presentata. Il sig. F, ricalcando il disegno, apporta le seguenti modifiche (vedi fig. 5): aggiunge il mare, toglie i raggi al sole, che diventa anche più pallido, pone la luna, svuotata di colore, prima accanto, sotto la stella (che da blu diventa gialla, più stilizzata e irregolare). Dietro al foglio scrive il seguente titolo: “C’ è anche il mare”. Ecco le interpretazioni silenziose (Chiozza, 1994) che il terapeuta dà del disegno: l’aver tolto i raggi e impallidito il simbolo maschile del sole è stato visto come un tentativo del paziente di tenere a maggiore distanza il padre, con il suo stargli addosso e le sue apprensioni. In effetti F. è sempre accompagnato dal padre, che spesso parla al posto suo e non solo per aiutarlo ad esprimersi: c’è anche un po’ di invadenza. Ricordiamo inoltre che il sole era stato investito anche della carica del terapeuta, come se anche il terapeuta dovesse fare i conti con quell’invadenza interepretativa che a volte propone affetti troppo intensi. Il terapeuta ripensa con un certo senso di colpa alla sgradevole emozione provata alla vista del paziente e alla sua riproposizione in termini di “informe” sia tramite il medium grafico-pittorico, che tramite quello del titolo scritto. Il mare allora diventa l’elemento capace di smorzare i forti toni emotivi, di rinfrescare il paziente e la relazione terapeutica dal forte calore emotivo: l’azzurro del mare si trova anche dentro l’informe. L’informe figura fatta dal paziente sembra girare le spalle al sole-terapeuta, per rivolgersi alla luna. Un altro elemento che cattura l’attenzione del terapeuta è la stella che, per la sua forma irregolare (una sorta di stella informe), viene silenziosamente interpretata come un altro simbolo del paziente. È interessante notare come la stella sembra contenuta dalla luna che, con la sua forma, sembra un culla per la stella. La luna come sappiamo è simbolo femminile e materno.(Jung, 1965) Al terapeuta sembra che il paziente ricercasse un oggetto interno materno buono in grado di accoglierlo, nonostante i suoi vuoti interni (la linea curva gialla delinea una luna, bianca al suo interno). Ricordiamo ancora come, nella mente del terapeuta, fosse stata proiettata sulla luna la figura della tirocinante donna, con l’intento di comprendere, spazialmente nel disegno e affettivamente nella relazione, insieme al sole-terapeuta, l’informe sig. F. In una seduta successiva emergerà, in effetti, una figura materna sofferente da anni di “depressione”. Per tale motivo sia padre che figlio hanno cercato sempre di compiacerla, tollerando le sue richieste “assillanti” di starle vicino, di non lasciarla sola, di permetterle di ordinare la camera del figlio F. come pareva a lei, ecc. Lo stesso F. ci scrive: “Mia madre non la si può contraddire, non mi ci posso arrabbiare, anche se a volte mi verrebbe da rompere tutto…altrimenti la sua depressione peggiora e poi è ancora peggio. Anche mio padre cerca sempre di accontentarla.” Al momento della sequenza dei disegni considerati non eravamo ancora a conoscenza di questa coartazione dell’identità a cui il sig. F. si sottoponeva e non potevamo correlare pertanto la figura informe (sgradevolmente indefinita), riflesso del corpo devastato, alla molle e cedevole identità del paziente. Nonostante questo nel disegno ricalcato dalla tirocinate (fig. 6) assistiamo all’esplosione della figura informe. La stessa tirocinante intitola il disegno: “Esplosione di colore” che, dopo l’esternazione di F., è possibile interpretare in duplice modo: come aggressione contro il proprio corpo, su cui il paziente ha evacuato la rabbia nei confronti della situazione familiare (una madre che non consente al paziente di esistere e un padre, incapace di difendere il figlio e di contenere la moglie); la necessità di rompere e trasformare l’identità informe. Nel disegno troviamo inoltre la luna inclusa nel sole tornato raggiante: simbolo sia di un padre che si auspica riesca a contenere la moglie, che di un terapeuta che contenga la tirocinante. Il disegno infine propone alcune stelle, che, come abbiamo detto, possono essere interpretate come sdoppiamenti del paziente: una contenuta nel sole, tre disposte sul bordo e tre fuori dal cerchio solare. Questa disposizione stellare suona come un invito al paziente ché provi a vivere prevalentemente al di fuori delle complesse e patogene dinamiche familiari. Nell’ultimo disegno (fig. 7) il terapeuta ricuce le linee spezzate “dall’esplosione” ricostruendo una nuova immagine: Snoopy. Nel disegno il cane è nutrito dai raggi del sole che contiene la luna. La luna e il sole sono entrambi pienamente colorati e le stelle rimangono nella stessa disposizione. Possiamo fornire a questo disegno la seguente interpretazione: il sole-terapeuta, la luna-tirocinate e le stelle-paziente insieme nutrono F., dandogli una nuova forma. L’essere informe è diventato Snoopy. È lo stesso F. che nel vedere il disegno abbozza, per la prima volta da quando lo conosciamo, un sorriso e ci scrive: “la figura informe è diventata il simpatico cagnolino Snoopy”. A questo punto F., tirocinante e terapeuta condividono una simile simpatia per lo Snoopy-paziente. Tale simpatia per lo Snoopy-paziente, se per terapeuta e tirocinante testimonia la nascita di un’immagine rinnovata e positiva nei confronti di F., per il paziente. rappresenta una premessa perché possa sviluppare e nutrire un’immagine e un sentimento positivo per se stesso. D’altro canto prima che si possa produrre un cambiamento nel modo di vedersi e di sentirsi del paziente, deve nascere una nuova immagine di lui dentro al terapeuta: il terapeuta trasforma il suo oggetto interno paziente. (Searles, 1965) Il terapeuta diventa per il paziente un oggetto-sé, capace di confortarlo e convalidarlo in alcune sue qualità, come ad esempio quelle della tenerezza e simpatia. (Kohut, 1984) Il sorriso di F. sembra quindi preludere all’auspicabile trasformazione del suo Sé, inteso come totalità di rappresentazioni del Sé in intima connessione con la totalità di rappresentazioni oggettuali (Kernberg, 1984).

Conclusioni
In tale lavoro abbiamo dimostrato come si possa realizzare un percorso psicoterapeutico attraverso strumenti diversi dalla parola, cioè tramite il medium grafico-pittorico e particolarmente attraverso il DSPG e, in alcuni casi, la scrittura.
Nei disegni rimane traccia degli elementi transferali e controtransferali, di come essi si trasformino interagendo: alcuni simboli sono riferibili al paziente, altri al terapeuta; è possibile notare come tali simboli dialoghino, disegno dopo disegno, tra loro; si può individuare dove essi si uniscano, a volte fondendosi in una nuova forma, a costituire il soggetto transizionale, quell’immagine cioè trasformatrice che contiene parti del Sè del paziente e parti del Sè del terapeuta (Benedetti, 1991). Attraverso questa metodologia il lavoro interpretativo è di tipo indiretto (Chiozza, 1994) o debole, insaturo, narrativo secondo Ferro (1993), utilizzando e muovendo i simboli disegnati, risparmiando a paziente e terapeuta una certa quota di disagio nel dire e nel sentirsi dire. Sarebbe stato veramente arduo e indelicato per il terapeuta dire al paziente: “dopo l’ultimo intervento neurochirurgico lei mi sembra un essere informe”. Sarebbe stato altrettanto duro per il paziente sentirselo dire, anche nel caso in cui egli si fosse portato dentro di se questo pensiero, pesante come un macigno. Diventa, invece – attraverso il simbolo grafico-pittorico che, allo stesso tempo, vela e svela e che muta grazie agli interventi trasformatrici degli attori del DSPG – possibile non solo dirlo, ma anche scoprirne gradatamente il senso e, così, contenerlo.
Sebbene il percorso psicoterapeutico realizzato tramite il DSP o il DSPG può essere metodologia di elezione nella psicoterapia del profondo di persone con deficit neurosensoriali di tipo fonico-acustico, riteniamo che tale metodologia possa essere intrapresa anche in quelle situazioni cliniche ed esistenziali in cui sia difficile comunicare contenuti delicati ad alta tensione emotiva.

Bibliografia

  • Benedetti G., Paziente e terapeuta nell’esperienza psicotica, Boringhieri, Torino, 1991.
  • Chiozza L.A., Come nasce e si formula l’interpretazione nella seduta analitica, Brutti C. e Parlani R, Questioni di psicoanalisi infantile, n. 30, Borla, Roma, 1994.
  • Ferro A., Il disegno e le parole come “disegno” all’interno di una teoria del campo, in Richard e Piggle, 1,1, 1993.
  • Peciccia M, Benedetti G., La comunicazione psicoterapeutica con il paziente schizofrenico attraverso il disegno speculare progressivo terapeutico. Riflessioni alla luce di una storia clinica, Quaderni Associazione Studi Psicoanalitici, 5, 12, 1995.
  • Catanzaro P., Sviluppi della tecnica del disegno speculare progressivo: il disegno speculare progressivo di gruppo, abstract del II congresso nazionale APIART, in Bollettino APIART, 1, 0, p.8, 2004.
  • Jung C.G. (1965), Simboli della trasformazione, Opere, vol. V, Boringhieri, Torino, 1970.
  • Kernberg O. (1984), Disturbi gravi della personalità, Boringhieri, Torino,1987.
  • Kohut H. (1984), La cura psicoanalitica, Boringhieri, Torino, 1986.
  • Searles H.F. (1965), Scritti sulla schizofrenia, Boringhieri, Torino, 1974.

Leave a comment

Commenta

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

SCARICA LA NUOVA
APP DEL DOCENTE

FORMAZIONE ACCREDITATA
A PORTATA DI CLICKApp del DocenteDisponibile gratuitamente
per iOS ed Android

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi