+39 0832 601223 info@artedo.it
Arte e scienza della comunicazione non verbale

Arte e scienza della comunicazione non verbale

La comunicazione non verbale è un valore universale dell’umanità: tutte le forme di relazione che l’uomo instaura nel corso dell’esistenza, con se stesso, con gli altri esseri umani, con il mondo naturale, fino al suo rapporto con  la divinità, sono permeate di non verbale. Anche nel linguaggio parlato e scritto, il contenuto extra-verbale ha un potere comunicativo ed emotivo addirittura superiore alle parole stesse.  

Le diverse forme artistiche – musica, pittura, scultura, danza, etc.-, organizzate in complessi codici comunicativi (le tecniche dei linguaggi artistici), rappresentano  il più evidente fenomeno di comunicazione non verbale delle emozioni.Lo studio della comunicazione non verbale nelle arti terapie si trova di fronte all’arte, come processo creativo non ripetibile, e alla scienza in quanto processo osservabile, spiegabile, riproducibile e verificabile.
La musicoterapia e le altre arti terapie, come forme di relazione attraverso la comunicazione non verbale, coniugano  la potenzialità di espressione dei vissuti emotivi attraverso i linguaggi artistici con i parametri della scientificità, finalizzati alla cura della persona e alla qualità della sua vita. Vediamo ora di analizzare la comunicazione non verbale nel suo duplice aspetto di scienza ed arte.

Neurofisiologia della comunicazione non verbale
Le strutture anatomiche deputate alla comunicazione non verbale sono costituite da:

  • Amigdala, struttura arcaica del cervello  che ha sostanzialmente lo scopo di preservare l’organismo dal pericolo e di farlo con prontezza. Essa è responsabile della cosiddetta “generalizzazione della risposta” a qualunque stimolo  provochi un’emozione.
  • Corteccia prefrontale: area responsabile della discriminazione della risposta, che opera un compromesso tra l’impulso irrazionale iniziale dell’amigdala e l’adeguamento della risposta successivo. La corteccia prefrontale ha anche la funzione di discriminazione sensoriale analitica.
  • Sistema libico, corteccia entorinale dell’ippocampo: svolge la funzione di integrazione, associazione ed elaborazione delle differenti modalità sensoriali (sinestesia) (Citowic,1988, 1989).
  • Sistema nervoso autonomo simpatico, che innerva ghiandole, cuore, polmoni e visceri ed è innescato da uno stato di attivazione emotiva.
  • Ipotalamo, nucleo accumbens: è la struttura coinvolta nei comportamenti di gradimento, altrimenti detti “circuito del piacere”.

Emozioni e sensopercezione
L’espressione di un’emozione si realizza prevalentemente attraverso modalità non verbali, cioè tono della voce, mimica, atteggiamento, distanza, gestualità. Il tono riguarda la sonorità delle espressioni dell’individuo e quindi l’intonazione, il ritmo, ma anche il sospiro o il silenzio; con  mimica intendiamo tutto quello che si può osservare sul viso di una  persona; per  atteggiamento  possiamo intendere la postura dell’individuo ed anche i movimenti che la modificano;  distanza è quella che ci separa dagli altri o i movimenti per regolarla; nella  gestualità comprendiamo tutti i gesti delle braccia ed alcune azioni riconoscibili come “gesti“. Essi sono segnali estremamente importanti sia in presenza che in assenza della comunicazione verbale. Spesso infatti sono utilizzati  come codici per “controllare” la congruenza e la veridicità della comunicazione verbale. Basta pensare, come esempio, alle manifestazioni somatiche che si accompagnano alla comunicazione di una bugia. Nonostante il contenuto verbale, es.: “Non sono stato io”, la persona può mostrare disagio attraverso la sudorazione, il rossore in viso, l’incapacità di sostenere lo sguardo, i movimenti involontari di parti del corpo, etc. L’antropologo e psicologo Albert Mehrabian (1971) ha stabilito che solamente il 7% di tutte le informazioni che ci arrivano da un discorso passa attraverso le parole; il restante, che è comunicazione non verbale, si divide in: 38% che ci perviene dal tono della voce e 55% che arriva dai segnali di mani, braccia, gambe, piedi etc. Diversi sono gli obiettivi di un approfondimento della conoscenza della comunicazione non verbale. Innanzitutto l’uso consapevole del linguaggio non verbale permette di affinare le proprie capacità comunicative e contemporaneamente di interpretare più chiaramente il messaggio dell’interlocutore. Ma  soprattutto  offre la possibilità di “allargare” la conoscenza di sé e la capacità di lettura e interpretazione del proprio mondo emotivo.
 I primi studi sistematici al riguardo  furono svolti da un gruppo di ricercatori per il Mental Research Institute di Palo Alto in California (USA) tra gli anni ’50 e ’60. Il gruppo, guidato da Don Jackson e sotto la guida di Gregory Bateson era stato ingaggiato per degli studi sulla schizofrenia, ma sviluppò anche delle interessanti teorie sulla comunicazione che ora vengono universalmente riconosciute come i caposaldi di questa nuova disciplina. In particolare Jackson, Watzlawick, Bavelas scrissero “Pragmatica della comunicazione umana” nel 1967,  in cui  approfondirono i vari aspetti della comunicazione, a partire dall’affinamento della capacità di ascolto allo studio dei segnali non verbali. Watzlawick (1967) sostiene che ogni comunicazione avviene  contemporaneamente su due piani: quello del contenuto e quello della relazione. Il linguaggio verbale e quello non verbale veicolano rispettivamente livelli differenti di messaggio. Il linguaggio verbale, le parole, veicolano il messaggio di informazione, il contenuto  (es. “sono arrivato”), mentre il linguaggio non verbale porta il messaggio di relazione, cioè ciò che provo realmente nel comunicare quelle parole (es. felicità oppure impazienza oppure rabbia, etc.). Dalla percezione inconscia della congruenza o meno tra i due aspetti, verbale e non verbale della comunicazione, sempre interdipendenti tra di loro, ne risulterà la qualità della relazione. Se saranno congruenti la relazione risulterà essere basata su fiducia, chiarezza, sicurezza e permetterà la capacità di orientarsi. Nel caso invece di una contraddizione tra contenuto verbale e non verbale, la relazione risulterà ansiogena, svilupperà disagio, insicurezza, disorientamento, senso di pericolo.
Se consideriamo dunque i segnali non verbali come punti cardinali per orientarci nel complesso dedalo delle relazioni umane, dobbiamo ora soffermarci sugli aspetti più strettamente legati alla sensorialità. I  sensi rappresentano gli strumenti con cui mappiamo il mondo, sia esterno che interno. Fin dai primi momenti della nostra esistenza, i sensi raccolgono ed elaborano le informazioni materiali e psichiche in complesse ed inedite costruzioni architettoniche: la personalità di ogni individuo, unica ed irripetibile. Ma in questa sede vogliamo accennare ad una lettura insolita della sensorialità: il senso dei sensi, cioè il correlato psichico della senso-percezione. Ad ogni canale sensoriale è associato un modo di dire popolare. Ricordiamo a proposito che secondo Freud, attraverso la battuta scherzosa, passano verità altrimenti inaccettabili a dirsi . Il motto di spirito è una delle vie attraverso cui l’inconscio fa capolino alla coscienza (Freud 1905). Analizziamo ora qual è nel gergo comune il significato psicologico dei sensi. Gusto: “avere gusto” si riferisce alla sensibilità estetica, alla raffinatezza delle scelte di vario tipo. Tatto: “trattare con tatto” indica garbo, delicatezza nella relazione. Vista: “vedere giusto” allude alla capacità di lungimiranza e di messa a fuoco della realtà. Olfatto: “avere naso” significa intuizione, capacità di trarre dall’intuito informazioni precise e mirate sul mondo circostante.Udito: “tendere le orecchie” fa riferimento alla facoltà di sentire le emozioni nelle loro intensità e qualità.

Arte e Medicina
L’uso delle arti come strumento terapeutico ha preceduto la medicina vera e propria. Pensiamo  alla figura dello sciamano, l’uomo-medicina, che attraverso l’uso della musica, come della danza e delle maschere, libera l’individuo dagli spiriti maligni che ne hanno turbato l’equilibrio di salute. Nel mondo classico le arti terapie emersero dal mito, basti pensare al mito di Orfeo. Musica, canto, poesia, teatro e danza rappresentavano la più alta espressione di un equilibrio tra armonia e salute. Nella tragedia greca, attraverso il concetto di katharsis, le emozioni trovavano una via per essere comunicate, condivise e abreagite, per dirla in termini freudiani, con il conseguente ristabilirsi dell’omeostasi psico-fisica e dello stato di salute. Successivamente, nel Rinascimento la medicina si avviò verso l’organizzazione scientifica del sapere, per mezzo dell’osservazione e dell’esperimento. La distanza tra arti terapie e scienza medica si accrebbe notevolmente, fino ad arrivare ad una radicale divergenza. Solo verso la fine dell’800 Freud, gettò le basi per la costruzione di quel ponte di collegamento tra mente e corpo, che in Occidente, da Cartesio in avanti, tanto si erano distanziati. E’ dei giorni nostri l’osservazione di Hillman, secondo cui “il divorzio tra emozione e ragione è di così vecchia data e ha lavorato talmente a beneficio della ragione, che l’emozione è diventata un concetto peggiorativo di irrazionalità al limite della follia”(Matte Blanco, 1975).
Attualmente, nell’ottica della salute intesa come equilibrio bio-psico-socio-spirituale dell’individuo, si aprono nuove prospettive d’integrazione tra le arti terapie e la scienza medica. Grazie infatti alle nuove frontiere del sapere medico, in primis alla psico-neuro-endocrino-immunologia (Scapagnini 1989), le connessioni biochimiche tra psiche e corpo vengono sempre più  riconosciute e dimostrate.
Ma vediamo ora qual è il rapporto esistente tra Arte e Arti terapie.

Arte e Arti Terapie
La riflessione sul rapporto che intercorre tra arte e arti terapie, ci porta a sottolineare alcune importanti osservazioni. Innanzitutto i due termini non sono sinonimi. Se è vero che l’artista comunica attraverso la sua opera artistica, ciò non significa che questo rappresenti necessariamente un atto terapeutico. Nelle arti terapie infatti, il fattore terapeutico è determinato dalla relazione tra il terapeuta, esperto in linguaggi artistici, ed il cliente, attraverso il mezzo artistico (musica, arte, danza, etc.). In primo piano vi è quindi la relazione terapeutica tra le due persone, che avviene grazie al medium artistico. Nell’Arte, invece, la centralità è nel prodotto artistico, non nella relazione tra artista e fruitore. Un’ altra fondamentale differenza consiste nel fatto che nelle Arti terapie non sono richiesti l’aspetto estetico, la tecnica, la logica, lo stile. Il prodotto trae valore dal suo contenuto emotivo ed espressivo, in funzione della relazione con il terapeuta o con il gruppo, nel caso di terapie di gruppo.Le Arti terapie non producono arte, ma traggono un valore terapeutico dal processo creativo.Il processo creativo permette la mobilitazione delle risorse interne insite in ogni individuo, potenzialmente sane e risanatrici di qualsiasi squilibrio, sia fisico che psichico. Nelle Arti terapie la comunicazione delle emozioni, contemporaneamente velate ed espresse dal linguaggio artistico, viene letta nell’ambito della relazione transferale. Quindi, possiamo concludere che Arte ed Arti terapie hanno in comune soltanto il processo creativo, la comunicazione e il linguaggio artistico.

L’Arte dello scienziato
Albert Einstein è ritratto in alcune foto mentre suonava il violino. La sua famosa frase “imagination is more important than knowledge”, può esserci d’aiuto nel tentativo di dimostrare quanta importanza per la scienza abbia il processo creativo. La fantasia, l’immaginazione, sono processi creativi della mente che trasportano il nostro pensiero al di là della razionalità e del conosciuto. Come si potrebbe scoprire qualcosa di nuovo se non si avesse la possibilità di andare oltre ciò che è già noto? Come si potrebbe allargare la conoscenza se non si avesse il coraggio di “osare” verso l’irrazionale? Nessuna scoperta sarebbe stata fatta senza lo stimolo dato dall’emozione dell’ignoto. Lo scienziato fa proprio questo: si emoziona con le sue fantasie, le segue e persegue tutta la vita, contro ogni pensare codificato, fino a quando non riesce a trasformarle e a tradurle in dimostrazioni scientifiche. Inizialmente Einstein costruì il suo paradigma dell’universo a partire da segni non verbali, “alcuni visuali e altri di tipo muscolare”. Come egli stesso scrisse, nel 1945, ad un collega: “Sembra che le parole e il linguaggio  scritto o parlato, non abbiano alcuna funzione nei miei meccanismi cognitivi. A quanto pare, le entità psichiche che costituiscono gli elementi del pensiero sono certi segni e immagini più o meno chiari, che possono essere ‘volontariamente’ riprodotti e combinati.” (Einstein, 1988). Solo  in una seconda fase, dopo un lungo e accurato lavoro di traduzione delle sue creazioni non verbali in “parole convenzionali e altri segni”, lo scienziato era in grado di comunicarle al mondo razionale della scienza.

La Scienza dell’artista
Andiamo ora ad illustrare una situazione speculare a quella sopra riportata: l’atteggiamento scientifico di una grande musicista, quale Arnold Schönberg. In una lettera a Kandinsky del 1911, Schönberg dice: “L’arte appartiene all’inconscio! Bisogna esprimere se stessi! Esprimersi con immediatezza! Non si deve esprimere il proprio gusto, la propria educazione, la propria intelligenza, il proprio sapere o abilità. Nessuna di queste qualità acquisite, bensì quelle innate, istintive… Solo la creazione inconscia, che si traduce nell’equazione forma=manifestazione, crea forme vere… Ma chi è in grado di ascoltare se stesso, di riconoscere i propri istinti, di approfondire ogni problema attraverso una riflessione personale, non ha bisogno di una simile zeppa. Non è necessario essere un pioniere per lavorare così, ma un uomo che si prende sul serio, e che così facendo prende sul serio il vero compito dell’umanità in ogni campo dello spirito e dell’arte: comprendere ed esprimere ciò che si è compreso!!! Ne sono profondamente convinto!” (Schönberg  e Kandinsky, 2002). In queste parole possiamo notare come la preoccupazione del musicista fosse quella di svolgere un serio e profondo lavoro di comprensione del proprio animo, prima di poterlo esprimere. Comprendere a fondo un mondo nuovo, sconosciuto, riuscire a darne spiegazioni, dimostrazioni che permettano di condividerlo con altri, approfondire e tentare di dare soluzioni e interpretazioni ai problemi è un approccio decisamente scientifico.
Allarghiamo ora le nostre riflessioni, per introdurre nel rapporto tra arte e scienza finora trattato un altro fondamentale aspetto della vita dell’essere umano: la spiritualità.

Un incontro tra Scienza e Spiritualità
Se arte e scienza hanno percorso in passato strade divergenti, il rapporto tra quest’ultima  e la spiritualità sembra essere ancora più distante. Anzi, le posizioni sono spesso risultate piuttosto antitetiche; basti ricordare le molteplici diatribe tra scienza e religione su questioni che non tratteremo in questa sede. Vorremmo invece riportare un inaspettato evento in merito. Al Congresso della Società di Neuroscienze, svoltosi a  Washington  nel novembre 2005, è stato ivitato il Dalai Lama, al secolo Tenzin Gyatso, la massima personalità buddista, premio Nobel per la pace 1989. Egli ha tenuto un discorso sui possibili rapporti tra scienza e religione (buddismo), che condividono la medesima ricerca della verità e comprensione della realtà. Interessante  e pertinente la citazione riportata  del  fisico tedesco C. von Weizsaecker, uno dei suoi primi insegnanti di fisica: “ Weizsaecker avvertiva che la scienza può trarre grande beneficio indagando questioni solitamente considerate di pertinenza delle discipline umanistiche”. Inoltre è stato menzionato il fatto che la meditazione aiuta il cervello, nel senso che apporta favorevoli modificazioni neuro-anatomiche. Un articolo di un quotidiano (La Repubblica, 2005) ha riportato, insieme alla notizia di tale importante evento, i risultati di alcune recenti ricerche scientifiche su meditazione e modificazioni cerebrali:

  • Università del Wisconsin (dr. R.Davidson): l’abitudine alla meditazione produce cambiamenti duraturi nel cervello (EEG).
  • Massachusetts General Hospital (dr.ssa S.Lazar): meditare allunga la vita (RMN).
  • Università della Pennsylvania: durante la meditazione il cervello perde il senso del tempo, con effetto di riduzione dello stress.
  • American Journal of Cardiology: la pratica costante della meditazione riduce di un terzo le morti per problemi cardio-vascolari.

Sulla base di tali argomentazioni, descriviamo ora  due esperienze di utilizzo della musicoterapia come strumento professionale di formazione e supervisione, nell’ambito della prevenzione.
MUSICOTERAPIA nella formazione e nella supervisione del personale socio-sanitario. Due esperienze: la formazione psicologica degli operatori oncologici e la supervisone degli operatori della riabilitazione psico-sociale.
In termini generali, è ormai dominio comune il fatto che una formazione permanente del personale costituisca un elemento essenziale e imprescindibile della qualità del servizio. In ambito sanitario sono previsti corsi di aggiornamento e riqualificazione sia del personale medico, che paramedico in generale.Possiamo certamente considerare la formazione permanente come un intervento di prevenzione primaria. In alcuni  ambiti, quali i due che prenderemo in considerazione, quello dell’oncologia e quello della riabilitazione psico-sociale, le tematiche emotive in gioco rendono le categorie di operatori del settore particolarmente a rischio di burn-out (Pellegrino, 2000). Ricordiamo che vivere a stretto contatto con emozioni relative a contenuti come morte, condizioni terminali, realtà aliene, cronicità, sovraccarica l’operatore in modo massiccio e lo espone ad uno stress fisico e psichico di difficile gestione. Da qui la necessità di condividere ed elaborare in equipe le emozioni che di volta in volta si attivano al contatto con persone sofferenti di malattie oncologiche e psichiatriche gravi. La formazione psicologica degli operatori oncologici
Da anni si parla di psiconcologia, intendendo con tale termine tre aspetti: l’impatto psicologico che la malattia ha sul malato e sui suoi familiari, le cause psicologiche che rappresentano cofattori di insorgenza, decorso e prognosi della malattia, l’impatto psicologico degli operatori che prestano il loro sevizio in questo ambito (Catanzaro, 2003) Nel 2000 è nata la sezione Umbra della SIPO (Società Italiana di PsicOncologia). L’equipe che la costituisce si occupa di assistenza sul territorio, ricerca e formazione del personale medico e paramedico. Sono stati organizzati in questi  anni 7 corsi teorico-esperenziali in psiconcologia, rivolti ad un numero chiuso (40) di operatori, con lo scopo di affrontare le tematiche di quotidiana esperienza  e gli aspetti teorico pratici che stanno dietro un intervento psiconcologico. A tale scopo per ogni annualità è stata prevista un’area teorico-esperienzale di comunicazione non verbale attraverso un mezzo artistico. Gli operatori oncologici hanno così potuto fare esperienza diretta di tale parametro e della sua forza nella relazione terapeutica. Pensiamo solo ad un esempio: quanto disagio viene trasmesso, in modo non verbale, dal medico al momento della comunicazione della diagnosi? Tale è la difficoltà che per tanto tempo si è preferito mentire al paziente  riguardo alla natura del suo male piuttosto che affrontare  una comunicazione così terribile. Ma quanto si è comunicata, per lo più inconsapevolmente la tragedia in modo non verbale? Abbiamo visto sopra cosa comporti un’incongruenza tra messaggio verbale e non verbale in una comunicazione: la relazione ne risulta danneggiata. Non è certo augurabile che tra il paziente e il suo medico si instauri una relazione basata su ansia, sfiducia, disorientamento, proprio in un momento di emergenza vitale come quello che la malattia oncologica comporta. Attraverso esperienze di musicoterapia, arteterapia, drammaterapia, visione di film a tema, i corsisti hanno preso coscienza degli aspetti non verbali, troppo spesso negati, che caratterizzano qualsiasi relazione, quindi anche quella d’aiuto. Nella tabella 2 sono riportati  titoli e conduttori delle sessioni esperienziali tenute nei corsi di formazione permanente.

La supervisone degli operatori della riabilitazione psico-sociale.
Tratteremo ora un altro ambito in cui l’utilizzo della musicoterapia si è rivelato un efficace strumento di relazione. Gli operatori della riabilitazione psico-sociale si trovano a lavorare in condizioni di forte tensione: quotidiani sono i contatti con situazioni di emarginazione, pericolo, emergenza e necessità di risposte immediate. Le malattie psichiatriche croniche, quali le psicosi, richiedono un costante supporto  e adattamento alla realtà, fornito proprio dagli operatori che prestano servizio nelle unità di convivenza. Ma anche altre situazioni, quali quelle della tossicodipendenza, dell’immigrazione, soprattutto quella clandestina, dello sfruttamento, della prostituzione, richiedono la costante e diretta presenza di operatori esperti dei vari settori. Il coordinamento di tale lavoro da parte di servizi, centri di salute mentale, assistenti sociali e altre figure pubbliche, non è da solo sufficiente a sollevare gli operatori dal carico emotivo accumulato nelle situazioni sopra citate. Si rende quindi indispensabile uno spazio di supervisione, in cui gli operatori possano esprimere ed elaborare le dinamiche emotive, non solo coscienti, sviluppatesi sia nel rapporto con gli utenti, che nel loro stesso gruppo di lavoro. A tal proposito, dal 2000, in collaborazione con due cooperative sociali operanti nel territorio umbro, la supervisione viene condotta con metodica mista, sia verbale che non verbale. In particolare, l’applicazione di tecniche musicoterapiche, riferibili al modello Benenzon (1997), si è rivelata estremamente valida per affrontare le dinamiche gruppali più tipiche (attacco-fuga, dipendenza, accoppiamento) (Bion, 1971), che maggiormente esponevano i membri del gruppo al rischio di burn-out. Tre sono i gruppi di operatori con i quali è stato applicato il metodo di supervisione mista verbale e non verbale
8 operatori unità di convivenza (salute mentale)
5 operatori pronta accoglienza per minori
3 operatori area sfruttamento, emarginazione

Conclusioni
Considerando la musicoterapia come un terreno di inscindibile intersezione  tra aspetti di pertinenza della scienza (come neuroscienze, psicologia, antropologia, etc.) e  aspetti più propri al mondo artistico, crediamo che questa disciplina sia pienamente degna di appartenere ad entrambe le famiglie. Ci auguriamo che il futuro della musicoterapia sia emblematicamente rappresentato dalla foto sotto riportata, alla quale diamo il propizio titolo di “Musica e Scienza a braccetto”.
In questa immagine, scattata  alla  Carnegie Hall di New York, nell’aprile 1934, possiamo infatti riconoscere Albert Einstein, che tiene sotto braccio Arnold Schönberg e il pianista polacco Leopold Godowski.
Pubblicato in “Arte e Scienza della comunicazione non verbale”, AA.VV., Musica tra neuroscienze, arte e terapia (Collana Musicoterapia), Musica pratica, Torino, 2006.

Leave a comment

Commenta

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

SCARICA LA NUOVA
APP DEL DOCENTE

FORMAZIONE ACCREDITATA
A PORTATA DI CLICKApp del DocenteDisponibile gratuitamente
per iOS ed Android

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi