La TGD (TerapiaGraficaDigitale) nel trattamento della depressione
Rivista di Arti Terapie e Neuroscienze / la tgd terapiagraficadigitale nel trattamento della depressione

La TGD (TerapiaGraficaDigitale) nel trattamento della depressione

Le immagini ambigue hanno probabilmente sin dai tempi preistorici esercitato un effetto stimolante sulla fantasia e slatentizante  sulle fobie, e possono avere una potente influenza persino sul comportamento di  alcuni animali, io stesso sono stato testimone  dello sgomento di un cane che  nel buio della notte confuse un sacco con chissà quale insidioso essere.

In arte l’importanza delle immagini ambigue fu già riconosciuta da Leonardo da Vinci, che, nel Trattato  della pittura   suggerisce ai pittori di osservare la cenere o le macchie di umidità sui muri per  trovare  “mirabili invenzioni”, e che nelle  sue opere sembra  aver inserito numerose  forme di duplice interpretazione (come afferma Massimo la Rocca nel  testo  Le mirabilissime invenzioni).
 L’importanza fondamentale  dell’ambiguità in ogni opera d’arte fu evidenziata  ed ampiamente teorizzata da Umberto Eco nel suo saggio del 1962: Opera aperta, e poi confermata in anni recenti dagli studi neuroscientifici del ricercatore Semir Zeki (Semir Zeki Immagini della mente 2007). Anche in ambito clinico il ricorso ad immagini ambigue si è rivelato un prezioso strumento, su cui sono  basati test  di tipo proiettivo come quello di Rorschach ed il TAT. Il test di Rorchach  si incentra su dieci tavole, in ognuna è rappresentata una macchia di inchiostro affianco alla sua immagine speculare, derivando da ciò delle forme irregolari ma simmetriche. Le immagini usate per questo test sono le stesse dal 1921, per cui esiste una vastissima documentazione di riferimento per valutare le interpretazioni dei soggetti, il tempo impiegato per dare una risposta, e il comportamento non verbale che deriva dalla presentazione di ogni immagine. Il TAT(thematic apperception test) invece fu ideato da Murray nel 1935 e nel 1943 assunse la sua forma attuale, utilizza trentuno immagini tra fotografie e dipinti di contenuto ambiguo, di cui undici sono usate per tutti i soggetti, tra queste una consiste in un riquadro completamente bianco, mentre le altre venti sono diverse a seconda del sesso e dell’età del soggetto, al quale si chiede di costruire una storia intorno a ciò che vede, che contenga un passato un presente  una conclusione, dei  pensieri e dei sentimenti. Anche in questo test al clinico è richiesta la conoscenza delle risposte più frequenti ad ogni immagine, affinché sia possibile valutare la direzione e l’entità delle differenze che caratterizzano l’interpretazione del soggetto. Alcune tecniche della TGD devono molto a questi test,  pur differenziandosi da essi in più di un aspetto per  adattarsi alle finalità dell’Arteterapia. Nella TGD le immagini presentate sono infatti spesso ambigue, ma qui oltre che assolvere la funzione di strumento utile all’operatore per avvicinarsi alla comprensione della personalità dell’ utente, svolgono varie funzioni terapeutiche, tra cui la principale è quella di stimolare lo sviluppo delle capacità elaborative e combinatorie  indispensabili  al consolidamento di un approccio intelligente ai problemi esistenziali, che possono così essere affrontati senza ricorre a meccanismi di difesa patologici. La TGD è una tecnica arte terapeutica ideata dall’autore di questo testo e  che utilizza  la grafica digitale come strumento di comunicazione tra paziente e arteterapista.I vantaggi  specifici di questa tecnica  sono così riassumibili :
-Una  produzione artistica in cui possono coesistere l’estrema complessità e il realismo fotografico, con un assoluta libertà compositiva, da cui derivano immagini estremamente surreali o assolutamente banali, il cui contenuto è sempre totalmente determinato dalle decisioni che in pochi istanti oggettivizano le idee che, il paziente, l’arteterapeuta o entrambi prendono.
-La possibilità di un assoluto controllo da parte del paziente sulle immagini che produce e una totale presa in carico dell’arteterapeuta degli aspetti tecnici, che la   sua preparazione grafica gli permette di risolvere velocemente.
-L’inesauribile e vastissima quantità di materiale grafico contenibile in un pc portatile,ossia nell’unico strumento necessario per la TGD.
-La possibilità di essere estremamente creativi estesa  anche a soggetti  con forti andicap fisici.
-La possibilità di visualizzare in ogni istante qualunque fase della produzione terapeutica.
-Favorire il generarsi di un setetting virtuale che si mantiene costante anche quando le circostanze ambientali variano.
 Sebbene sia vero che  nell’Arteterapia l’espressività non è regolata da principi tecnici, e una produzione virtuosa  che abbia come artefice l’operatore, non solo sia spesso inutile, ma il più delle volte da luogo a gravi insicurezze e senso di inferiorità nell’utente, è anche vero che saper rispondere ad una rappresentazione  in cui si evidenziano delle elevate  capacità figurative, con dei disegni di pari caratteristiche,  può facilitare l’istaurarsi di un dialogo con taluni soggetti. Per quanto riguarda la  TGD, nonostante rimanga invariata l’innecessarietà di  capacità e conoscenze tecniche da parte dell’utente, queste divengono di principale importanza per l’operatore, che deve avere un assoluta padronanza del programma per il foto ritocco di cui si serve, padronanza che dovrà comprendere anche aspetti non fondamentali nella pratica comune della grafica digitale, mi riferisco qui in modo particolare alla capacità di modificare le immagini, osservarne un numero elevatissimo, e mettere insieme vari elementi, in tempi  assolutamente brevi. Tutto ciò per rispondere alle richieste ed espressioni dell’utente ( tanto a quelle consce che a quelle inconsce,   consistenti in linguaggio verbale o   non verbale) e istaurare  il dialogo più fluido tra quelli possibili. L’operatore  che utilizza la  TGD deve  frequentemente lui stesso divenire uno strumento al servizio dell’paziente, il quale dovrà essere informato, fin dove la sua condizione lo consente, delle  potenzialità   espressive di cui dispone, per cui l’operatore ogni volta che sarà necessario   le chiarirà attraverso esempi pratici.  

LE TECNICHE PRINCIPALI DELLA TGD
1) Ritocco fotografico
Quando utilizza questo  mezzo, l’arteterapepista  modifica le immagini di partenza eliminandone le parti che giudica possano danneggiare o opacizzare ciò che intende trasmettere. Oppure aggiunge elementi capaci di sottolineare le sue intenzioni. In altri casi, ancora, il ritocco delle fotografie permette di modificare aspetti che altrimenti potrebbero  condurre il paziente ad una erronea decodifica soggettiva della realtà.
 2) Selezione delle sequenze
I’arteterapista, dopo aver creato delle immagini – oppure dopo averle semplicemente scelte –    decide l’ordine in cui le presenterà al paziente, tenendo conto del potere comunicativo che queste scelte possiedono. Di fatto, nella selezione delle sequenze, il contenuto di un’immagine  può essere smentito, relativizzato, contestualizzato o confermato da quelle che gli succedono, così come dall’osservazione globale della presentazione.  La selezione delle immagini può anche essere operata dal paziente, in  tal caso, sarà importante permettergli di visualizzare un numero elevato di immagini dal contenuto molto vario, sia per iconografia che per valore emotivo. Tali immagini,  inoltre, dovranno essere visionate le une affianco alle altre in una dimensione sufficientemente grande da permetterne la lettura. Poi al soggetto viene chiesto di osservare e commentare per qualche minuto ogni immagine.
3) Risposta ai commenti  sulle immagini con altre immagini, magari modificate prima di  essere presentate, o  con  delle modificazioni riguardanti  quella  appena commentata.
4) Dialogo tra arteterapista e  utente che avviene attraverso  il loro alternarsi nella scelta delle immagini  da vedere a schermo pieno.
5) Allargamento contestualizzante del campo visivo
Consiste nella gestione degli stessi meccanismi che entrano in gioco nella selezione delle sequenze (contestualizzazione, conferma, negazione) ma attraverso l’utilizzo dello strumento zoom: partendo da un area prescelta dell’immagine,  ingrandita  fino ad  occupare tutto lo schermo, gradualmente se ne rende visibile una sezione via via  maggiore. È importante sottolineare che in molti disturbi mentali i processi sopra menzionati sono  poco o per nulla utilizzati, per cui l’obiettivo principale di questo esercizio consiste nel loro trasferimento dal setting alla vita quotidiana del soggetto.
6) Modifica o creazione di foto-collage a più livelli
Sfrutta la possibilità che offrono i programmi di ritocco fotografico di creare immagini in cui  i distinti elementi sono collocabili  su livelli  diversi e sovrapponibili;  ciò che  fa parte di un livello (immaginabile come un foglio di plastica trasparente,  su cui far aderire uno o più elementi compositivi,  tra  i quali   appaiono quelli dei livelli sottostanti) è modificabile senza dover alterare ciò che appartiene agli altri livelli.
Mediante questo  strumento, il terapeuta, ricorrendo ad una sua personale raccolta di elementi ritagliati digitalmente, che sarà quanto più vasta e varia possibile, ed ad una altrettanto numerosa collezione di sfondi, può creare velocemente dei foto-collage pensati specificamente per comunicare ed interagire con  un determinato paziente, il quale a sua volta potrà decidere di eliminare   o modificare  gli elementi dell’immagine, così come di aggiungerne di nuovi. Altresì il paziente potrà  costruire il foto-collage di  partenza  selezionandone gli elementi.  In tutti i casi, se la  sua condizione lo permette, e se lo desidera, il paziente commenterà e svilupperà verbalmente in modo creativo sia  le sue composizioni e selezioni che quelle del terapeuta.
Parte dalla costruzione di uno o più personaggi ideati dal  paziente, personaggi di cui egli può decidere ogni caratteristica, visionando cataloghi virtuali, attraverso  cui selezionare ogni loro singolo aspetto ed accessorio.   La seconda fase di questo esercizio è quella in cui il soggetto crea una storia che vede come protagonista o protagonisti il suo o i suoi personaggi. Poi  sceglie per ogni immagine la scenografia fotografica, e la distribuzione dei testi, il cui contenuto potrà modificare partendo dall’ascolto della registrazione  del suo racconto, chel’arteterapista gli proporrà in questa fase. L’operatore  ricorrendo alla pittura digitale al foto ritocco o al foto-collage  adatterà estemporaneamente ai passaggi della storia il contenuto di ogni scena, sottoponendo ogni sua azione alla approvazione del paziente che assisterà al suo lavoro. In altre versioni di questo esercizio, la funzione del arteterapista può non limitarsi all’interpretazione ed esecuzione grafica che materializza le idee del paziente, e  contribuire in misure diverse alla storia,  creando ad esempio alcuni personaggi,   decidendo le ambientazioni   oppure suggerendo alcuni sviluppi narrativi.
 
                              TRATTAMENTO   DELLA DEPRESIONE CON LA TGD
 L’informazione su tutto ciò che potremmo essere e su tutto quello che potremmo avere diviene ogni giorno più efficiente, di pari passo, raggiungere le condizioni di vita che queste informazioni ci presentano come ideali, è  sempre più difficile, mentre sempre più facile è perdere ciò che si è ottenuto. Queste sono probabilmente le cause principali della costante crescita del numero di persone che si ammalano di disturbo depressivo, ossia di una delle patologie mentali già oggi tra le più diffuse al mondo.   Secondo  il DSM-IV.TR  il disturbo depressivo maggiore è caratterizzato da uno o più episodi  depressivi maggiori, i quali descrive come una perdita di interesse o piacere per quasi tutte le attività, o  umore depresso (triste, agitato, irritabile, disperato) per almeno due settimane. Inoltre  per giustificare una diagnosi di depressione devono essere presenti perlomeno altri quattro sintomi di un elenco che comprende alterazioni dell’appetito, o del peso, dell’sonno e dell’attività psicomotoria, ridotta energia, sentimenti di svalutazione o di colpa, difficoltà a pensare, concentrarsi o prendere decisioni, oppure ricorrenti pensieri di morte o ideazione suicidaria, pianificazione o tentativi di suicidio. L’episodio depressivo deve essere accompagnato  da difficoltà o impedimento nello svolgimento delle normali attività sociali, quali ad esempio il lavoro o lo studio. Quando dei sintomi presenti negli episodi depressivi maggiori si presentano insieme a sintomi maniacali presenti ogni giorno per almeno una settimana, la diagnosi è quella di episodio misto e non di depressione maggiore. Così  come non si considera che i sintomi che appaiono nei due mesi successivi alla perdita di una persona cara, e non persistono oltre questo periodo, appartengano ad un episodio di depressione maggiore. I sintomi depressi possono presentarsi in forma acuta anche in chi normalmente gode di ottimo umore ed è considerato ottimista, così come possono mantenersi per un  lungo periodo ad un livello distimico. La terapia cognitiva si è dimostrata attraverso numerosi studi e statistiche il tipo di psicoterapia  più efficiente   nel trattamento e cura della depressione. Aron T. Beck, padre della terapia cognitiva, noto che i sui pazienti depressi manifestavano un flusso di pensieri automatico di cui erano inconsapevoli, che denomino pensieri automatici negativi (pan). Rilevo in oltre che essi consistevano in brevi frasi,parole o immagini che riguardavano la condizione affettiva di quel momento. Questi pensieri  concernevano il più delle volte a delle perdite, giudicate dal paziente come insuperabili e irrimediabili, a cui  non riesce a rispondere  con un riordinamento del proprio modo di vivere (Aron T. Beck la depressione 1967). La visione pessimistica dei soggetti depressi attraverso cui essi  si considerano inadeguati, incapaci di interagire, e che gli fa giudicare il futuro come portatore di eventi negativi, in  terapia cognitiva prende il nome di triade cognitiva. La TGD nel trattamento della depressione utilizza le sue tecniche seguendo l’orientamento della terapia cognitiva, per cui si pone i seguenti obbiettivi: eliminare o perlomeno ridurre l’intensità  dei sintomi acuti, istaurare un alleanza terapeutica tra arteterapista e paziente, e in fine la riduzione del rischio di ricadute.Per quanto riguarda i sintomi acuti si osserva innanzitutto l’entità delle distorsioni cognitive del paziente e contemporaneamente si tenta di renderlo consapevole della loro esistenza. Ciò avviene presentandogli delle immagini complesse (spesso create per questo specifico esercizio), la cui corretta valutazione richieda  un attenta analisi di molteplici aspetti. Le situazioni presentate, se valutate in modo pessimistico ( a causa di quella deformazione cognitiva che Beck denominò astrazione selettiva, tipica dei soggetti depressi, in cui  essi focalizzano la loro attenzione sui particolari negativi di una realtà, decontestualizzandoli e fondando su questi i loro giudizi) vengono esaminate in ogni loro aspetto attraverso lo strumento zoom  dei programmi per il fotoritocco, questi avvicinamenti vanno alternati ad allontanamenti diretti a segnalare le relazioni presenti, sottolineate da domande e osservazioni che nascono dal dialogo tra paziente e arte terapista
 
Questa immagine da  un soggetto con umore equilibrato dovrebbe essere interpretata come una scena in cui vengono  segnalati due paracadutisti, mentre ad una persona depressa potrebbero suggerire che l’uomo stia minacciando la donna.
Per il trattamento di quel tipo di distorsioni della realtà che Beck definì ipergeneralizzazioni, in base alle quali i soggetti depressi giungono a conclusioni basandosi su eventi che non riguardano ciò che stanno valutando, l’arteterapista che utilizza la TGD potrebbe partire dalla presentazione di un immagine in cui si osservano i risultati di un’ azione attribuibile ad una persona o a cause diverse. Ad esempio dopo aver presentato al soggetto l’ immagine 2, gli si chiede di immaginare le cause di ciò che osserva. Se risponde con  una spiegazione plausibile ma pessimistica, si introduce un elemento che suggerisca cause meno negative imm3, si tenta in oltre di rafforzare  l’abitudine a considerare  le eventualità di questo tipo  chiedendogli di suggerire varie versioni interpretative dell’immagine di partenza che contemplino di volta in volta la sostituzione dell’elemento aggregato con altri suggerenti anche essi spiegazioni moderate.
 
Se invece la sua ipotesi si basa su premesse ingiustificabili, si cerca di indurre il paziente alla consapevolezza dell’erroneità delle sue attribuzioni chiedendogli di descrivere ogni aspetto  delle conseguenze che deriverebbero dalle cause da lui ipotizzate, per poi creare, a partire dall’immagine originale, un foto collage che contenga questi distinti aspetti, ed evidenziare  la divergenza tra la scena  che ne risulta e quella di partenza affiancandole. L’obiettivo di questo processo è quindi,  condurre  il paziente alla consapevolezza del fatto, che  spesso le prime ipotesi che a lui vengono in mente, sulle origini degli eventi, sono erronee a causa della sua condizione depressa. Per cui deve vagliarne  attentamente altre prima di considerarne una come la più attendibile. Per quanto riguarda la distorsione che Beck denominò personalizzazione, in cui  il soggetto tende a ritenersi responsabile di eventi negativi su cui  non ha alcuna influenza, si può ricorrere alla creazione di un foto-romanzo-collage, che veda come protagonista il paziente e la cui trama  sia dal terapista condotta verso la messa in evidenza dell’incontrollabilità, da parte del soggetto, degli eventi che egli è portato a collegare in modo causale alla sua intenzionalità, e che invece è assurdo collegare a questa.
Anche il pensiero dicotomico, in cui l’ individuo estremizza i suoi giudizi e tende ad esagerare o minimizzare le conseguenze degli eventi, può essere affrontato nell’ ambito della TGD, attraverso la creazione di un foto-romanzo-collage, finalizzato al favorire lo sviluppo nel paziente della capacità di attribuire conseguenze ragionevoli agli eventi. Le distorsioni automatiche della realtà e la triade cognitiva, hanno la loro origine secondo Beck in quelli che egli denomina :schemi depressogeni, ovvero in strutture mentali relativamente costanti, consistenti in esperienze o idee da cui dipende l’organizzazione delle nuove percezioni e il significato  che queste assumono. Quando si consolidano questi schemi depressogeni deformano le interpretazioni degli avvenimenti vissuti, che a loro volta rafforzeranno  tali schemi, dando origine  ad un circolo vizioso. Partendo da questi presupposti teorici, la TGD attraverso le sue tecniche tenta di ridurre i sintomi acuti della depressione e di interrompere il generarsi dei circoli viziosi, incentivando al contempo l’autostima del paziente mediante la messa in evidenza delle sue capacità autocorrettive. Punta in oltre a generare, tramite il lavoro creativo svolto in collaborazione, una solida alleanza terapeutica.

Prevenzione delle ricadute.
Aiutare i pazienti ad aumentare la loro autostima e la   fiducia  in se stessi, deve essere un obbiettivo costante durante il corso del trattamento, un miglioramento in tale senso rende capaci di gestire  molto meglio le possibili ricadute. Per cui i lavori del paziente, attraverso i quali egli è riuscito in modo creativo a risolvere delle questioni che lo opprimevano, sarà utile stamparli e  consegnarglieli raccolti in album alla fine del trattamento, in modo che il ricordo delle battaglie vinte possa rafforzarlo nell’ affrontare quelle future, che saranno vissute come delle sfide attraverso cui dimostrare a se stesso le capacità acquisite. E’ proprio a tale obiettivo che punta la TGD verso la fine del trattamento con la traduzione in ambito visivo di alcune tecniche della terapia cognitiva; ad esempio in una di esse, che in TGD prende il nome di combattimento con l’ombra, si chiede al paziente di scegliere da una cartella (dai contenuti appositamente selezionati per la loro negatività)  le immagini che a lui risultano particolarmente depressogene, di commentarle, magari trovando delle connessioni con alcune sue esperienze negative, e poi di decidere cosa desidera modificare in quelle immagini affinché si   possa  ridurre o eliminare la loro negatività, per poi correggerle  seguendo i suoi suggerimenti. In alternativa alla seconda fase di questo esercizio il paziente può scegliere da una  seconda cartella appositamente  preparata, delle immagini che sono facilmente interpretabili come sviluppi positivi degli eventi raffigurati nella prima cartella, anche queste immagini e il loro nesso con le prime vanno commentati dal paziente e dal arteterapista. Un altro metodo, anche questo di ispirazione cognitivista da utilizzare  nella fase conclusiva del trattamento, è quello  denominato  risposte negative, che consiste nel replicare, alle modificazioni positivizzanti operate dal paziente sulle immagini, o alle immagini positive che sceglie, con immagini o fotocolage che ne osteggino l’ottimismo, per poi, dopo la sua successiva modificazione posivitizzante, sottolineare il miglioramento della sua capacità di rispondere alle idee  negative, e quindi  anche ai sui stessi  pensieri  automatici negativi.   
 

Leave a comment

Commenta

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi