Crescere toccando
Rivista di Arti Terapie e Neuroscienze / crescere toccando

Presentazione del volume. Il testo si compone di tre parti: la prima mira a dare informazioni sullo sviluppo dei bambini non vedenti, ipovedenti e pluriminorati, nelle diverse condizioni cliniche e dal punto di vista comportamentale, affettivo, cognitivo e relazionale. Inoltre viene riservato uno spazio importante alla relazione genitore/bambino, specialmente per ciò che riguarda gli aspetti dell’interazione precoce e delle importanti implicazioni rispetto alle dinamiche ed alla vita emotiva di entrambi, anche rispetto alle modificazioni dei pattern comunicativi in assenza del contatto oculare e dei segnali sociali mimici.

Sono presenti alcune indicazioni pratiche per l’organizzazione degli ambienti domestici, scolastici e di vita quotidiana, sia dal punto di vista percettivo-tattile che da quello visivo, in quanto la massima parte dei bambini con problemi di vista conserva un residuo visivo, al quale si mira nel far corrispondere una capacità percettiva utile per la localizzazione spaziale e per l’individuazione sia pur grossolana delle persone circostanti. Vengono indicati “facilitatori ambientali” per orientare il riabilitatore, l’educatore ed il genitore nella strutturazione di un ambiente adeguato alle necessità del bimbo, anche al fine di stimolare in lui l’interesse per il mondo degli oggetti e per l’interazione con la realtà. Nella seconda parte vengono illustrati alcuni concetti fondamentali riguardo il rapporto tra l’individuo ed i suoni, al fine di comprendere quale sia il miglior approccio per l’utilizzo del gioco sonoro e della musicoterapia. Viene descritta l’esperienza di Extra-Visual Training, durante la quale il musicoterapista ha avuto modo di vivere ed esplorare il proprio setting e gli ambienti circostanti senza l’uso della vista. Questo percorso si è rivelato fondamentale per l’individuazione delle problematiche legate alla scelta del GOS ed al suo impiego, alla disposizione all’interno della stanza di terapia e in generale alla comprensione delle caratteristiche comunicative non verbali in ambiente extravisivo. La mancanza o difficoltà ad instaurare il contatto oculare determina un ritardo significativo nello strutturare momenti di condivisione dell’attenzione della coppia adulto/bambino verso un oggetto condiviso e quindi una difficoltà a stimolare nel bimbo la necessaria motivazione a comunicare intenzionalmente. Inoltre esistono condizioni operative specifiche per la facilitazione dell’idea di oggetto permanente (in situazione extravisiva), tappa importantissima nello sviluppo di qualsiasi bambino. Nella terza parte del testo sono indicati ed esemplificati “facilitatori relazionali” cioè i comportamenti più utili per agevolare la condizione di “attenzione condivisa” tra l’adulto ed il bambino, anche per evitare o contrastare atteggiamenti di chiusura esplorativa e interpersonale. Tali argomenti sono chiariti ulteriormente da vari esempi nei quali sono descritti comportamenti di bambini che gli autori hanno incontrato nel corso delle loro attività professionali, nei numerosi anni di esperienza. L’attualità di questo approccio è stata ultimamente confermata dalle recenti scoperte riguardanti i neuroni specchio e il funzionamento delle capacità di comprensione delle intenzionalità, capacità che si è accertato essere presenti anche da parte di persone con deficit visivo dalla nascita, a patto che siano disponibili al bambino le informazioni non visive sufficienti a farsi un’idea coerente della realtà.. Nell’ultimo capitolo sono descritte le interazioni tra il bambino e l’adulto in un setting riabilitativo, durante le attività con oggetti sonori. Gli autori sono a disposizione per intervenire personalmente a momenti di presentazione, dibattito e approfondimento in merito ai temi qui indicati. Per informazioni www.cresceretoccando.it .

Leave a comment

Commenta

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi