Quando il cervello batte il tempo. Un appello agli scettici
Rivista di Arti Terapie e Neuroscienze / quando il cervello batte il tempo un appello agli scettici

Quando il cervello batte il tempo. Un appello agli scettici

Nel contributo del professor Antonio Montinaro, si fa riferimento a studi e ricerche, condotte in diverse parti del mondo, che inducono a riflettere sulle potenzialità, non solo terapeutiche, ma anche relative allo sviluppo, della musica.
Ora, sono anni che, dedicandomi alla pratica musicoterapica, mi occupo di raccogliere e tradurre, dalle pubblicazioni più recenti e dai siti scientificamente accreditati, i risultati di esperimenti che coinvolgono l’utilizzo della musica nel trattamento delle patologie degenerative del Sistema Nervoso Centrale, nell’osservazione

dei comportamenti appartenenti alla specie animale, nella significativa riduzione della depressione endogena e dei disturbi dell’umore, ormai diffusi in maniera preoccupante nel continente europeo e negli Stati Uniti – non sembra qui il caso di parlare delle popolazioni transcaucasiche, perché si entrerebbe in quadro di riferimento culturale differente, come insegna Piero Coppo nel suo ottimo saggio di etnopsichiatria Le ragioni del dolore –.

Sottopongo, pertanto, all’attenzione del lettore alcuni dati registrati dalla Fondazione Pierfanco e Luisa Mariani, attiva dal 1984 nella ricerca e nella formazione afferente alla Neurologia Infantile. La Fondazione ha una rivista, nota a livello internazionale, Neuromusic News, che vi esorto a esplorare, visitando il sito della Fondazione. Questo perché ritengo importante l’istituzione di una rete fra le riviste di settore che, di là da una competizione inesistente quando si pubblica on line, garantiscono la pubblicazione di notizie utili e fondate. In estrema sintesi, quello che emerge dalla lettura di Neuromusic, indagando nell’archivio dal 4 Dicembre 2008 fino alla fine del 2009, è, innanzi tutto, la netta distinzione fra musica occidentale e musica orientale che ascoltatori non informati preventivamente, e anche non particolarmente allenati all’ascolto di brani musicali, riconoscono immediatamente, apprezzando i brani originali, piuttosto che gli arrangiamenti; si affrontano, inoltre, gli effetti della musica occidentale diffusa ad alto volume all’interno di un ambiente insonorizzato: è provato che i timbri sonori dell’Occidente incidono, sebbene in maniera limitata, sulle condotte sessuali dei ratti Wistar precedentemente inibite dalla somministrazione di metanfetamina. I media documentano che, al termine di una notte trascorsa in discoteca, l’incidenza di condotte sessuali violente aumenta anche nella specie umana, soprattutto nei soggetti di sesso maschile. A ciò si aggiunge la riduzione delle capacità uditive in chi somministra, all’interno di locali notturni, musica rock ad alto volume. In parole semplici, quella dei Dj è una categoria continuamente a rischio, mentre, attraverso la risonanza magnetica funzionale, si è osservato che le consonanze armoniche della musica classica stimolano il flusso sanguigno – e, pertanto, l’attività cerebrale – anche nei giri frontali medi e nel lobulo inferiore paretale, effetto che, peraltro, si riscontra lateralizzato a destra per i non musicisti. La memoria, poi, trae giovamento, se gli stimoli musicali di sitar sono somministrati in fase prenatale (15 minuti l’ora per 24 ore con stimoli a 65 decibel). Gli stimoli musicali somministrati anche in età adulta, ma con maggior frequenza rispetto alla stimolazione nei bambini, dimostrano un aumento della plasticità neuronale. In questo caso, tuttavia, si tratta di una stimolazione attiva, perché il gruppo sottoposto al training impara a eseguire un brano al pianoforte; il secondo gruppo ha il compito di ascoltare e giudicare l’esecuzione. L’esperimento si protrae con regolarità per due settimane, con queste conclusioni: nel gruppo “attivo” si rileva, attraverso l’osservazione magnetoencefalografica, una “riorganizzazione plastica della corteccia cerebrale” decisamente maggiore rispetto al gruppo che ha soltanto ascoltato. Ciò induce a riflettere sui benefici che si possono trarre dalla pratica musicoterapica attiva, improvvisazione musicale compresa. Queste sono solo pillole di ricerche lunghe delle quali ciascuno può prendere visione. Non indugio oltre, ma concludo con un appello agli scettici che non mancano mai: trattare un bambino con disturbo psicomotorio e innesti autistici attraverso la musicoterapia non è un esperimento di pochi esaltati, ma una pratica convalidata scientificamente. Quando si applicavano lobotomia ed elettroshock, le “prove scientifiche” erano piuttosto inquinate e forzate, eppure…

Leave a comment

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi